9 settembre 2013

Assicurazioni auto: idee “francesi” per contrastare il caro-polizza

Scritto da






I costi dell'assicurazione Rc auto sono tra i principali balzelli che i portafogli delle famiglie sono costretti a sopportare, in Italia come nel resto d'Europa. Val pertanto la pena cercare di capire cosa accada in altri lidi, e cosa si sta cercando di fare per scongiurare che l'incremento dei costi dei premi assicurativi arrivi ad assumere proporzioni di insostenibilità per una fetta della popolazione ancora più ampia.

Uno degli esempi più interessanti delle ultime settimane ci è offerto dai vicini francesi, attualmente impegnati in un dibattito particolarmente acceso, e finalizzato a trovare una utile soluzione per la riduzione delle tariffe.

In particolare, a Parigi e dintorni sta per entrare in vigore una norma che permetterà a tutti gli utenti di un contratto di natura assicurativa di rescindere la polizza in qualsiasi momento, senza dover attendere il termine naturale del rapporto contrattuale. Scopo di tale norma è quello di rendere più vigili e attenti i consumatori e gli utenti dei servizi assicurativi, permettendo loro di cambiare compagnia qualora quella precedente non fosse più di gradimento, o abbia assunto dei comportamenti non desiderati. Il provvedimento dovrebbe entrare in vigore dal prossimo mese di gennaio 2014 e, almeno per il momento, sembra essere di difficile migrazione sul territorio italiano.

Qui da noi i passi in avanti più significativi sembrano essere stati fatti con l'abolizione della clausola del tacito rinnovo, la quale non ha ancora prodotto i risultati desiderati (e, nel futuro, potrebbe comunque non stravolgere la vita degli utenti dei servizi assicurativi). Meglio sarebbe puntare a una revisione del comparto assicurativo che andasse a favorire la realizzazione di una vera concorrenza sul prezzo, come d'altronde avvenuto in alcuni altri settori industriali (come quello dei trasporti mediante compagnie aeree). I tempi, tuttavia, non sembrano essere piuttosto maturi.

Dai un giudizio alla compagnia

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Inserisci il tuo indirizzo mail per rimanere in contatto e ricevere i nuovi articoli direttamente nella tua posta

Tag

Seguimi su Twitter